CAMMINO DI SANTIAGO DA LEON A MUXIA CAMMINO IN GRUPPO

null

22 giorni 21 notti

null

22 giorni 21 notti

null

22 giorni 21 notti

null

22 giorni 21 notti

null

22 giorni 21 notti

 

CAMMINO DI SANTIAGO DA LEON A MUXIA - CODICE VIAGGIO: CE25A023

22 giorni 21 notti

Viaggio con accompagnatore.

Un viaggio di tre settimane che combina 300 km del Cammino Francese ed il prolungamento del cammino a Finisterre e Muxía. Dà diritto alla “Compostela”, certificato che attesta di avere percorso il Cammino di Santiago. Dà diritto anche alla "Fisterrana" e alla "Muxiana", che attestano di aver raggiunto la "fine della terra" e la "fine del cammino".

Programma LEON-O CEBREIRO (160 km in 7 tappe / 8 notti / 9 giorni) dall'8 al 16 giugno

Programma LEON-SANTIAGO (300 km in 14 tappe / 16 notti / 17 giorni) dall'8 al 24 giugno

Programma SARRIA-SANTIAGO (115 km in 5 tappe / 7 notti / 8 giorni) dal 17 al 24 giugno

Programma SANTIAGO-MUXIA (105 km in 6 tappe / 7 notti / 8 giorni) dal 22 al 29 giugno

 

 

DATA PARTENZA DA LEON: 8 GIUGNO 2022

 

 

PROGRAMMA

 

GIORNO 1

Arrivo a León per proprio conto. Per chi viaggia in aereo, si consiglia l'atterraggio all’aeroporto di Madrid, da dove si può proseguire in autobus e in treno. Hotel nel centro storico, vcino alla Cattedrale di León.

 

GIORNO 2

Tappa 1: Leon (Oncina) – Orbigo (24 km) Prima colazione e trasferimento in auto riservata ad Oncina, da dove ci incamminiamo. Passeremo per Vilar de Mazarife e Vilavante, attraverso la campagna e lontano dalle grandi strade. Poco prima di arrivare al nostro albergo, attraverseremo il leggendario Ponte di Orbigo.

 

GIORNO 3

Tappa 2: Orbigo – Astorga (16 km) La relativa brevità della tappa ci lascia il tempo di visitare almeno le principali meraviglie architettoniche di Astorga, città di origine romana: la splendida Cattedrale ed il palazzo episcopale di Gaudí.

 

GIORNO 4

Tappa 3: Astorga – Rabanal del Camino (20 km) Dopo un primo tratto pianeggiante, che ci permette di visitare villaggi di incredibile bellezza come Castrillo de los Polvazares, iniziamo la prima parte della salita verso il punto più alto dell'intero cammino francese. Passando per El Ganso, raggiungiamo il pittoresco villaggio montano di Rabanal del Camino.

 

GIORNO 5

Tappa 4: Rabanal del Camino – Molinaseca (25 km) Proseguiamo la salita verso un altro pittoresco villaggio, Foncebadón, poco dopo il quale raggiungiamo la Cruz de hierro, uno dei simboli più significativi del cammino, dove da secoli i pellegrini compiono il rito di depositare una pietra che hanno portato con sè. Superato l'Alto Mayor (1515 m), la lunga discesa che segue conduce a Molinaseca, dove è tradizione fare il bagno nel fiume Boeza.

 

GIORNO 6

Tappa 5: Molinaseca – Cacabelos (25 km) Dopo le salite e discese degli ultimi due giorni, questa tappa quasi completamente pianeggiante ci permette di recuperare. Passando per Ponferrada, approfittiamo per visitare il celebre Castillo de los Templarios ed il bel centro storico. Proseguiamo superando  una serie di paesi, tra cui Columbrianos e Camponaraya, per concludere la tappa a Cacabelos.

 

GIORNO 7

Tappa 6: Cacabelos -  Ambasmestas (24 km) Il nostro cammino prosegue in leggero saliscendi fino a Villafranca del Bierzo, meravigliosa città d'arte che ci accoglie con la celebre Puerta del Perdón. Attraversiamo il centro storico, ricco di bellezze architettoniche e dominato dall'antica chiesa si San Francisco. Superato il Río Burbía, scegliamo tra il tranquillo percorso sul fondo valle e quello più faticoso ma anche molto più interessante di Pradela. Entriamo in Valcarce e raggiungiamo Ambasmestas, la nostra meta odierna. 

 

GIORNO 8

Tappa 7: Ambasmestas - O Cebreiro (24 km) Oggi attraverseremo il confine regionale tra la Castilla y León e la Galizia. Dopo un primo tratto ancora quasi pianeggiante, superata La Herrerías de Valcarce, affrontiamo una delle salite più celebrate del cammino per la bellezza delle vedute. Dopo i piccolissimi villaggi di La Faba e Laguna de Castilla, attraversiamo il confine regionale e raggiungiamo il Passo di Cebreiro (1330 m). All'entrata del piccolo villaggio celtico, ci accoglie la chiesa francescana di Santa Maria do Cebreiro, apochi passi dal nostro albergo. 

 

GIORNO 9

Tappa 8: O Cebreiro – Triacastela (22 km) Quella di oggi è l'ultima tappa del Cammino Francese oltre i 1000 m di altitudine. Dopo il villaggio di Liñares, superiamo l'Alto de San Roque (1270 m), con la spettacolare immensa statua affacciata sulle valli sottostanti, e poi l'Alto do Poio (1335 m), dopo il quale il cammino è tutto in discesa fino a Triacastela.

 

GIORNO 10

Tappa 9: Triacastela – Sarria (20 km) All'uscita del paese il cammino si biforca. Noi seguiremo il ramo che passa dal celeberrimo monastero benedettino di Samos, attraverso una serie di boschi e piccolissimi villaggi. Ripreso il percorso del Camino Real ad Aguiada, raggiungiamo la cittadina di Sarria, punto di partenza degli "ultimi 100 km". 

 

GIORNO 11

Tappa 10: Sarria- Portomarin (23 km) Attraversando il centro storico di Sarria, ammiriamo una serie di chiese e monumenti e facciamo una sosta d'obbligo nel Convento della Maddalena. Il paesaggio cambia di continuo, dai boschi con castagni secolari ai campi aperti, i ruscelli e le piccole chiese tra cui la più importante è indubbiamente quella di Santiago de Barbadelo. Attraversiamo numerosi villaggi rurali e scendiamo infine all'invaso del Rio Miño. Sulla piazza di Portomarín, ci accoglie l'imponente chiesa fortezza.

 

GIORNO 12

Tappa 11: Portomarin – Palas de Rei (26 km) Lasciato il paese, ci incamminiamo attraverso la campagna con vedute spettacolari tutto intorno. Lungo il percorso incontriamo il sito archeologico romano di O Castro, il Cruceiro de la Passión, ed il Monastero di Vilar de Donas, raggiungibile facendo una deviazione.

 

GIORNO 13

Tappa 12: Palas de Rei – Arzua (28 km) Quella di oggi è la tappa più lunga del nostro cammino. La prima metà è per buona parte in discesa, con poca risalita seguita da un lungo tratto pianeggiante fino alla cittadina di Melide, esattamente a metà strada. Qui si può gustare, in uno dei tanti locali specializzati, il piatto nazionale galiziano a base di polpo. Una serie di brevi salite e discese attraverso le floride colline ricche di ruscelli ci conduce a Boente, dove ci accoglie un'iconica chiesetta. Proseguiamo passando per Castañeda e Ribadiso, dove è tradizione rinfrescarsi nelle gelide acque del Río Iso prima di affrontare gli ultimi km verso Arzúa.

 

GIORNO 14

Tappa 13: Arzua – O Pedrouzo (19 km) Dopo l'inizio in discesa e l'inevitabile risalita, il percorso si fa pianeggiante e attraversa i primi boschi di eucalipto del nostro viaggio. Piccoli locali gremiti di pellegrini si susseguono a breve distanza. Dopo Santa Irene ed A Rúa, si entra ad O Pedrouzo dove termina la tappa odierna.

 

GIORNO 15

Tappa 14: O Pedrouzo – Santiago (18 km) Oggi percorriamo l'ultima tappa deli "ultimi 100 km". Attraversiamo boschi con querce secolari ed eucalipti di altezza vertiginosa ed in breve arriviamo alle porte di Santiago. Superato l'aeroporto, passiamo per i ruscelli di Lavacolla e vari piccoli villaggi rurali sulle colline. A Monte do Gozo, dal poggio con le statue dei pellegrini, ammiriamo finalmente le gulie della Cattedrale, dove arriveremo tra meno di due ore. Entrando in città, tutto ci parla del cammino. Entriamo infine nel casco histórico ed arriviamo alla Cattedrale di Santiago. Il nostro nuovo alloggio è in un seminario del '500 proprio di fronte alla Cattedrale. Il tempo di rinfrescarci e riposarci e poi andiamo con la nostra guida a visitare questa splendida città monumentale, patrimonio dell'umanità UNESCO.

 

GIORNO 16

Tappa 15: Santiago – Negreira (21 km) Dopo avere ritirato la Compostela, che ci siamo guadagnati arrivando a Santiago, proseguiamo il nostro viaggio con la prima tappa del "Camino de Fisterra-Muxía". Dopo qualche km, volgendoci indietro possiamo ancora ammirare la Cattedrale. Tra boschi e campagna, superando vari villaggi, arriviamo a Ponte Maceira, sul fiume Tambre, dove molti pellegrini si bagnano nella acque fresche e pulite. Ancora qualche km ed arriviamo a Negreira. 

 

GIORNO 17

Tappa 16: Negreira – (Santa Mariña) Olveiroa (20 km) Lungo il percorso incontriamo piccolissimi villaggi rurali coi tipici horreós utilizzati per conservare le scorte di grano, che in questa zona sono fatti di blocchi di granito. Notevole la chiesa di San Mamede da Pena. Arrivati a Santa Mariña, proseguiamo in macchina per Olveiroa, villaggio ricco di horreós , dove passeremo la notte.  

 

GIORNO 18

Tappa 17: Olveiroa – Cée (18 km) Oggi finalmente raggiungeremo il mare, ma prima dobbiamo superare altre colline. Alla biforcazione di Hospital, imbocchiamo il ramo per Finisterre. Attraversiamo una landa selvaggia, ammirando lungo il tragitto l'Ermita de Nossa Señora das Neves e la Capilla de San pedro Martír. Dopo il Cruceiro da Armada scendiamo verso la baia di Cée.

 

GIORNO 19

Tappa 18: Cee – Finisterre (18 km) Tappa col mare quasi sempre vicino o in vista. Iniziamo seguendo il lungomare di Cée e poi quello di Corcubión, cuascuna coi suoi pittoreschi porti di pesca. Tagliamo attraverso il promontorio per scendere alla spiaggia di Sardinheiro. Più avanti attraversiamo per tutta la lunghezza la mitica "playa de Langosteira", dove fin dagli albori del Cammino di Santiago si raccolgono le tipiche conchiglie. Dopo la sosta in albergo ed il ritiro dell'attestato Fisterrana, la nostra giornata si conclude a Capo Finisterre, dove ci gustiamo una cena a base di pesce mentre ammiriamo il tramonto del Sole sull'Oceano Atlantico.

 

GIORNO 20

Tappa 19: Finisterre – Lires (14 km) Lasciamo Finisterre ed andiamo in direzione Nord verso la "fin del camino". Il percorso si sviluppa tra i boschi del primo entroterra, con dislivelli molto contenuti. Deviamo dal percorso base per ammirare la selvaggia Playa do Rostro e ci rientriamo per raggiungere Lires. Dopo aver preso possesso delle camere, possiamo discendere la piccola Ría per andare sulla spiaggia di Lires.

 

GIORNO 21

Tappa 20: Lires – Muxia (14 km) L'ultima tappa del nostro cammino attraversa i boschi e le campagne a ridosso di Cabo Touriñán, il punto più occidentale della Penisola Iberica. Dopo il villaggio di Xurarantes, scendiamo verso la bellissima Playa de Lourido e proseguiamo lungo il litorale fino al Santuario de la Virxe da barca, costruito sulla scogliera battuta dalle onde. Dal colle dietro la chiesa si ammirano splendidi tramonti. Raggiungiamo il nostro confortevole albergo per concludere degnamente il nostro viaggio. Ritiriamo l'attestato "Muxiana" e dopo cena andiamo ad ammirare il tramonto dal santuario. 

 

GIORNO 22

Fine del viaggio. Trasferimento all'aeroporto di Santiago dopo la prima colazione. Possibilità di trasferimenti personalizzati in base all'orario di partenza del proprio volo con eventuale suplemento di prezzo.

 

 

SERVIZI

  • Accompagnatore per tutta la durata del viaggio.
  • Sistemazione in camera privata con bagno in strutture ricettive SMART/SMART+.
  • Trattamento di mezza pensione (bevande incluse).
  • Trasporto dei bagagli da una tappa all’altra (1 collo).
  • Visita guidata del centro storico di Santiago.
  • Trasporto bagagli (1 collo a persona, bagagli extra con supplemento).
  • Trasferimento riservato da Muxía all’aeroporto di Santiago.
  • Kit del pellegrino: credenziale ufficiale della Cattedrale di Santiago e del Camino de Fisterra-Muxía, guida cartacea ai percorsi, t–shirt.
  • Assicurazione “Multirischi” obbligatoria e comprende: annullamento, assistenza-Medico-Bagaglio con estensione pandemia (Covid).

 

PREZZI A PERSONA

  • In camera doppia/ tripla: € 2450
  • In Camera singola: € 2900
  • Assicurazione “Multirischi”: € 80