• Verso O Cebreiro

Camino Francés da León e O Cebreiro a Santiago

Gli ultimi 300 Km del CAMMINO FRANCESE

Partenza garantita 2020

  • Percorso León – Santiago 3-19 agosto (310 km / 14 tappe / 16 notti / 17 giorni) – cod. viaggio L1A
  • Percorso León – O Cebreiro  3-11 agosto (150 km / 7 tappe / 8 notti / 9 giorni) – cod. viaggio L2C
  • Percorso León – Sarria  3-13 agosto (195 km, 9 tappe / 10 notti / 11 giorni) – cod. viaggio L3S
  • Percorso O Cebreiro – Santiago 10-19 agosto (160 km / 7 tappe / 9 notti / 10 giorni) – cod. viaggio CS4

Viaggio a piedi con accompagnatore sugli “ultimi 300 km” del Cammino Francese con trasporto bagagli ed escursione sulla costa atlantica. Da Sarria a Santiago, ci si unisce al tour F7A “Camino Francés, gli ultimi 100 km del Cammino Francese da Sarria a Santiago. Possibilità di unirsi al gruppo in qualsiasi punto dell’itinerario.

Locandina León Santiago

Locandina O Cebreiro Santiago giugno

Locandina O Cebreiro Santiago agosto

 

Difficoltà: tappe medio/lunghe (massimo 28 km), dislivelli contenuti ad eccezione della Cruz de Ferro e del Passo del Cebreiro.

conchiglia medio 3

 

 

 

Product Description

LGiorno 1. Arrivo a León per proprio conto. Incontro con la nostra guida, aperitivo di benvenuto e riunione preparatoria nel corso della quale verrà consegnato a ciascun partecipante il “kit del pellegrino”. La mattina seguente inizia il viaggio a piedi.

Giorno 2. Transfer a Virgen del Camino. Tappa n.1 Virgen del Camino – Hospital de Orbigo (27 Km, +100/-50m, facile). Tappa lunga ma tranquilla con lievi dislivelli. Dopo il sobborgo di Trobajo del Camino, visitiamo il santuario della Virgen del Camino. Superati i paesini di Valverde de la Virgen e San Miguel del Camino, arriviamo alle porte di Hospital de Orbigo.

Giorno 3. Tappa n.2 Hospital de Orbigo – Astorga (17 Km, +100/-80m, facile). Tappa non impegnativa. Dopo San Martin del Camino, scendiamo verso lo storico ponte di Orbigo ed il paese di Hospital de Orbigo. Passiamo poi per San Justo de la Vega e dal Cruceiro de Santo Toribio avvistiamo la splendida città di Astorga.

Giorno 4. Tappa n.3 Astorga-Rabanal del Camino (21 Km, +330/-50m, media). Dopo un inizio pianeggiante, superato Murias de Rechivaldo cominciamo a salire. Passando per Santa Catalina de Somoza ed El Ganso, arriviamo al villaggio montano di Rabanal del Camino.

Giorno 5. Tappa n.4 Rabanal del Camino-Molinaseca (23 Km, +400/-960m, impegnativa). Oggi affrontiamo una delle tappe più impegnative ma anche più gratificanti del Cammino. Superato il piccolo villaggio montano di Foncebadón, raggiungiamo la “Cruz de Ferro”, uno dei punti più significativi dell’intero percorso. Dopo il villaggio di Manjarín, superiamo la vetta del Collado de las Antenas (quota 1515m) e iniziamo la lunga discesa che, passando per Acebo e Riego de Ambros, conduce al ponte sul Rio Meruelo ed al pittoresco paese di Molinaseca.

Giorno 6. Tappa n.5 Molinaseca-Cacabelos (23 Km, +50/-150m, facile). Tappa tranquilla con limitata ondulazione. D’obbligo una sosta a Ponferrada per visitare il Castello dei Templari ed il santuario della Encina. Attraversato il Rio Sil, passiamo per Columbrianos, Fuentes Nuevas e Camponaraya. Tra dolci colline e vigneti, arriviamo a Cacabelos dove visitiamo due belle chiese.

Giorno 7. Tappa n.6 Cacabelos-Ambasmestas (25 Km, +200/-130m, agevole). Superati i villaggi di Pieros e Valtuille de Arriba, arriviamo a Villafranca del Bierzo, dove ci soffermiamo ad ammirare la “Puerta del Perdón” ed il bel centro storico ricco di monumenti; di particolare interesse la chiesa di San Francisco (pare che il santo stesso sia passato da qui) e la Collegiata di Santa Maria. Attraversato il Río Burbía, prendiamo il sentiero per Pradela e poi raggiungiamo Trabadelo. Da qui raggiungiamo la valle del Río Valcarce.

Giorno 8. Tappa n.7 Ambasmestas-O Cebreiro (14 Km, +750/-50m, impegnativa). Affrontiamo oggi l’ultima mitica salita dell’intero Cammino Francese. Iniziamo con un tratto in leggera pendenza lungo il Rio Valcarce, passando per i villaggi di Portela, Ambasmestas, Vega, e Ruitelán. Da Las Herrerias de Valcarce, ci allontaniamo dal fiume per iniziare la scalata. Lungo la salita, due piccoli villaggi con altrettanti punti di ristoro, La Faba e La Laguna. Attraversiamo il confine tra Castilla y León e Galicia in un paesaggio di fiaba e raggiungiamo il passo di Cebreiro. All’entrata dello storico villaggio di pietra, ci accoglie la chiesa di Santa Maria de Cebreiro. Accoglienza in albergo dei partecipanti che iniziano il cammino da O Cebreiro, aperitivo e riunione.

Giorno 9. Tappa n.8 O Cebreiro-Triacastela (20 Km, +100/-770m, medio-impegnativa). Il percorso odierno si snoda lungo la cresta della cordigliera, permettendoci di godere di panorami immensi sulle verdi montagne e vallate circostanti. Scendiamo a Liñares e passiamo per l’Alto de San Roque. Risaliamo all’Alto do Poio, da dove cominciamo la discesa, che ci porta attraverso i villaggi di Fonfría, Biduedo, Filloval e As Pasantes. Sistemazione in albergo nel centro di Triacastela. Cena e pernottamento.

Giorno 10. Tappa n.9 Triacastela-Samos-Sarria (18/25 Km, +15/-240m, agevole). All’uscita dal paese il percorso si biforca: noi seguiremo quello che passa per lo storico Monastero di Samos: lungo il cammino, passiamo per piccoli villaggi tra cui San Cristovo, Lastres e San Martino do Real. Facciamo sosta a Samos per visitare il maestoso monastero benedettino ed il villaggio in riva al fiume. Proseguiamo passando per Pascais, Sivil e Perros per riprendere l’altro ramo del Camino ad Aguiada. Giungiamo così a Sarria e ci si unisce ai partecipanti del tour F7A e si prosegue con loro fino alla fine del viaggio.

Giorno 11. Tappa n. 10 Sarria-Portomarín (23 Km, +300/-390m, media). Lasciato l’albergo, dopo pochi passi ci immettiamo sul percorso, unendoci idealmente e fisicamente alle moltitudini di pellegrini di ogni tempo. Fin dal primo passo si avverte l’atmosfera del Cammino. Risalendo la Rua Maior ci fermiamo a timbrare la nostra credenziale nella chiesa di Santa Mariña. Ci si vorrebbe soffermare ad ammirare ogni cosa: il monumento al re Alfonso IX, le insegne degli albergues, le conchiglie scolpite nel granito. In cima alla collina, la Capilla del Salvador ed il primo dei tanti cruceiros che troveremo lungo la strada, il convento dos Mercedarios, ma bisogna andare! In fondo alla discesa attraversiamo il ponte medievale e risaliamo attraverso un bosco di alberi plurisecolari. Raggiunto l’altopiano, non possiamo fare a meno di fermarci per visitare la chiesa di Santiago de Barbadelo. Proseguendo il nostro cammino, piccolissimi villaggi, con le loro minuscole chiesette, si alternano a boschi, campi coltivati, fonti e piccoli corsi d’acqua. Scendiamo infine verso il Rio Miño ed arriviamo a Portomarín. Sistemazione in albergo nel centro della cittadina, dominata dalla poderosa chiesa-fortezza di San Juan. Cena e pernottamento.

Giorno 12. Tappa n. 11 Portomarín-Palas de Rei (25 Km, +380/-170m, media). Nel riprendere il Cammino, tra molti volti nuovi che ci salutano ed augurano “buen camino”, cominciamo a riconoscerne qualcuno che ci è già familiare. La tappa odierna è caratterizzata da una lunga ma graduale salita verso Hospital de la Cruz e Ventas de Naron, punti più elevati del nostro viaggio. Anche oggi avremo l’opportunità di vedere luoghi storici e monumentali, tra cui il più importante, il monastero di Vilar de Donas, si raggiunge facendo una deviazione dal percorso. Scendiamo poi verso Palas de Rei dove si conclude la nostra seconda tappa. Dopo la visita della chiesa di San Tirso, posta all’entrata della cittadina, ci sistemiamo in albergo. Cena e pernottamento.

Giorno 13. Tappa n.12 Palas de Rei-Arzúa (28 Km, +100/-270m, medio-impegnativa). Un celebre quanto semplice monumento al pellegrino ci augura buon cammino mentre lasciamo il centro di Palas per intraprendere la tappa più lunga del nostro viaggio. A metà strada, ci fermiamo nella ridente città di Melide per visitare i suoi numerosi bei monumenti e la famosa Pulperia Ezequiel. Qui il “Cammino Primitivo” confluisce nel “Cammino Francese”. Su e giù per le colline, attraverso boschi di eucalipto e la verdeggiante campagna gallega, giungiamo ad Arzúa, dove anche il “Cammino del Nord” confluisce su quello “Francese”. Visitiamo la chiesa di Santiago de Arzúa e ci sistemiamo nel nuovo albergo. Cena e pernottamento.

Giorno 14. Tappa n.13 Arzúa-O Pedrouzo (20 Km, +80/-180m, agevole). Prima di partire, facciamo rifornimento dell’ottimo formaggio locale e di altre provviste per la nostra tappa odierna, che ci condurrà alle porte di Santiago. Dopo un lungo tratto tra boschi di eucalipto e piccolissimi villaggi, raggiungiamo la famosa Capilla de Santa Irene e poi arriviamo nella cittadina di O Pedrouzo, dove si trova il nostro albergo. Cena e pernottamento.

Giorno 15. Tappa n. 14 O Pedrouzo-Santiago de Compostela (20 Km, +100/-130m, agevole). La tappa odierna è abbastanza breve per consentirci di arrivare a Santiago entro le 12:00 e poter partecipare alla “messa del pellegrino”, se si vuole. Girando attorno alla recinzione dell’aeroporto, raggiungiamo una serie di luoghi “storici” del Cammino, tra cui Lavacolla ed il Monte do Gozo, da dove tradizionalmente si avvistano per la prima volta le guglie della Cattedrale. Entriamo in città per San Lazaro, siamo ormai quasi alla meta e si percepisce attorno a noi un’atmosfera particolare. Arriviamo infine alle mura del centro storico, attraversiamo Praza Cervantes ed eccoci alla Cattedrale, dove prendiamo posto per la messa del pellegrino. Sistemazione in albergo e resto della giornata libero. Cena e pernottamento.

Giorno 16. Prima colazione. Visita guidata di Santiago de Compostela, dichiarata patrimonio dell’umanità. Pranzo libero. Escursione guidata in bus riservato a Muxía, la fin del camino col famoso santuario sulla scogliera e Capo Finisterre, col magico promontorio sul quale i pellegrini si raccolgono per ammirare il tramonto del sole sull’Oceano Atlantico dal punto più occidentale. Cena speciale a base di pesce. Rientro in albergo e pernottamento.

Giorno 17. Prima colazione. Scioglimento del gruppo e fine dei servizi.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Be the first to review “Camino Francés da León e O Cebreiro a Santiago”